La qualità della “ricreazione” conta

La qualità della “ricreazione” influenza positivamente il comportamento degli studenti, e il loro sviluppo socio-emozionale secondo questo studio della Oregon State University.

Tempo di vacanze scolastiche, opportunità per ripensare al nuovo anno. Come compiti estivi, a #impariamotutti.it abbiamo iniziato dallo “studiare” la ricreazione. Spesso sentiamo racconti da insegnanti e da ragazzi che fanno intuire che non sempre questo “tempo” viene valorizzato come si potrebbe e che, forse nell’ultimo periodo, la qualità della ricreazione venga diminuita sensibilmente.

Siamo partiti da questo studio americano, ma siamo molto curiosi di conoscere altre esperienze e di condividere pratiche virtuose in questo ambito.

Secondo un nuovo studio dell’Oregon State University, la qualità della ricreazione, e non solo la quantità di tempo trascorso lontano dalla classe, gioca un ruolo importante nel fatto che i bambini sperimentino tutti i benefici fisici, mentali e socio-emotivi della ricreazione.
 
“Non tutte le pause sono uguali”, ha affermato William Massey, autore dello studio e professore associato presso il College of Public Health and Human Sciences dell’OSU. Con le scuole che tornano alle lezioni di persona a tempo pieno questo autunno, ha affermato: “Ora è un buon momento per ripensare: ‘Come possiamo creare scuole più a misura di bambino?’ Penso che garantiscano un accesso di qualità al tempo e allo spazio di gioco. durante la giornata scolastica è un modo per farlo”.
 
Lo studio di Massey, pubblicato questa settimana sul Journal of School Health, ha coinvolto l’osservazione di persona di studenti di terza e quinta elementare in 25 scuole in cinque stati durante l’anno scolastico 2018-19. Le scuole coprivano un’ampia gamma di condizioni socioeconomiche e diversità razziali ed etniche.
 
I ricercatori hanno misurato la qualità della ricreazione su una serie di fattori, incluso se il cortile della scuola offrisse sicurezza fisica e ambientale; se i bambini hanno avuto l’opportunità di giocare e hanno avuto lo spazio e le attrezzature necessarie; se ci fossero opportunità di inclusione; e se avessero diverse opzioni di gioco.
 
Uno spazio sicuro con attrezzature da gioco di base potrebbe sembrare scontato, ma non è sempre così, ha detto Massey.
 
I ricercatori hanno inoltre esaminato il comportamento degli studenti e il verificarsi di conflitti verbali e fisici, nonché la risoluzione dei conflitti; così come le modalità della presenza degli adulti parco giochi.
 
“Molte delle mie ricerche precedenti mostrano che gli adulti sono una delle entità più importanti nel parco giochi”, ha detto Massey. “Una delle cose più importanti è: gli adulti modellano e incoraggiano interazioni positive con gli studenti e si impegnano effettivamente con gli studenti stessi? Più gli adulti si impegnano e giocano con gli studenti durante la ricreazione, più i bambini giocano, più attività fisica c’è e meno conflitti ci sono”.
 
Le scuole che si sono classificate in alto in queste misure hanno visto risultati positivi associati nel comportamento in classe e nei marcatori socio-emotivi. C’era una correlazione significativa tra una ricreazione di alta qualità e punteggi più alti nella resilienza degli studenti, nell’autocontrollo, nei comportamenti adattivi in ​​classe e nella funzione esecutiva, ha detto Massey.
 
Sulla base di questi risultati e delle sue precedenti ricerche sulla ricreazione, Massey sostiene che le scuole dovrebbero considerare la ricreazione come una parte fondamentale della giornata scolastica, il che significa investire tempo e risorse adeguati.
 
Non servono costose strutture di gioco per raggiungere questo obiettivo, ha detto. Misure semplici ed economiche come chiedere a un adulto di fare un giro di sicurezza del parco giochi ogni mattina, o assicurarsi che il campo da calcio sia già predisposto in modo che i bambini possano massimizzare anche le pause di 10 o 15 minuti, farebbero una grande differenza.
 
Mentre le scuole emergono dalla pandemia, Massey ha affermato che c’è la possibilità per gli insegnanti di riconoscere l’importanza dello sviluppo sociale ed emotivo dei bambini e del bisogno di gioco, ma alcuni potrebbero anche pensare di dover stipare tutti i contenuti persi dell’ultimo anno nel più breve tempo possibile.
 
“Direi che sarebbe un errore enorme, questi risultati mostrano che la ricreazione non è dannosa per i nostri obiettivi in classe, ma piuttosto è complementare”.
 
 
collegamento all’abstract dello studio:
 
collegamento all’articolo originale presso la Oregon State University: 

Condividi con i tuoi amici....Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *